COMMENTI: Regno Unito, la lotta dei lavoratori del Personale di Bordo dei treni.

Il personale di bordo delle compagnie Arriva Rail North, Merseyrail e Southern Rail hanno scioperato Lunedi opporsi alla prevista introduzione dell’Agente Solo (Driver Only Operated services – DOO), ovvero l’eliminazione del personale di bordo sul treno. La proposta, sostenuta fino in fondo dal governo conservatore, porterebbe alla perdita di migliaia di posti di lavoro.  Anche se la sciopero coinvolto solo 2.000 agenti a livello nazionale, le imprese ferroviarie sono state costrette ad annullare molti più servizi del previsto, oltre 1.000 soppressioni e 300 bus messi in campo.
Arriva Rail North e Merseyrail non cedono sui piani per introdurre il DOO nei prossimi tre anni. Merseyrail ha investito 460 milioni di sterline nella nuova flotta di treni, progettati per consentire ai macchinisti di controllare completamente l’apertura e la chiusura delle porte. Il piano comporta 220 esuberi per il personale di bordo.
I macchinisti, aderenti al sindacato di categoria ASLEF, a Merseyrail si sono rifiutati di attraversare i picchetti dei conduttori, aderenti a RMT, il che ha provocato più soppressioni del previsto.
Arriva ferroviario del Nord, che copre i servizi ferroviari che collegano le città tra cui Manchester, Leeds, Sheffield e Newcastle, ha sostenuto circa il 40 per cento dei servizi di corse Lunedi. Tuttavia, nessun servizio corse prima delle 7, con i treni che fermano completamente 05:00-07:00. L’impatto del colpo ha provocato Arriva ferroviario Nord dover assumere 300 autobus per il trasporto passeggeri. Le due stazioni principali di Manchester-Piccadilly e Victoria, erano molto più tranquilla rispetto al normale, con concorsi e le piattaforme di Victoria vuote durante l’ora di punta del mattino.
Southern ha cercato di garantire poù treni possibile mobilitando quadri e krumiri, ma senza successo, la propaganda è stata smentita dalle scene di molte stazioni ferroviarie praticamente vuote e silenziose.
Il RMT ha osservato in un comunicato stampa il 9 marzo “La società sostiene il numero di treni che siano impostati per eseguire sono falsi, truccato e non confermata dal feedback dei passeggeri nei giorni di sciopero …”, ha aggiunto, “I manager da altre parti operazioni GTR vengono prova a saltare con costi considerevoli, sia in termini di cassa e disagi a lavorare altrove, per cercare di rompere lo sciopero. ”
Lo sciopero ha dimostrato la volontà dei lavoratori dei trasporti di resistere alla distruzione delle condizioni del proprio lavoro conquistate dalle generazioni precedenti. L’azione dei macchinisti ASLEF a Merseyrail è avvenuta in opposizione al sabotaggio della loro lotta da parte della burocrazia sindacale. Fin dall’inizio della controversia i sindacati hanno cercato di dividere i macchinisti dal personale di bordo nella lotta unitaria contro il DOO.
Lo scorso mese i macchinisti ASLEF della compagnia Southern GTR hanno respinto un accordo che accettava pienamente il DOO, siglato sotto gli auspici del Trades Union Congress (TUC).

 [Fonte: ferrovieri RWU]